Pagina d'entrata della Lessicografia della Crusca in rete

Cerca nel lemmario:

Vai direttamente a:

  1. Contenuti
  2. Menù di navigazione
  3. Dimensione dei caratteri

1) Dizion.4° Ed. .
SERPE
Voce completa

vol.4 pag.486


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
SERPE.
Definiz: Propriamente Serpente senza piedi, come vipera, aspido, e simili. Lat. anguis, serpens. Gr. ὄφις.
Esempio: Bocc. nov. 77. 41. Te non colomba, ma velenosa serpe conoscendo ec. con tutta la forza di perseguire intendo.
Esempio: E Bocc. num. 59. Tu da questo caldo scorticata non altramenti rimarrai bella, che faccia la serpe, lasciando il vecchio cuoio.
Esempio: Fiamm. 7. 50. Vengonmi ancora nella mente talvolta le pietose lagrime di Licurgo, e della sua casa, meritamente avute del morto Archemoro dal serpe.
Esempio: Dant. Inf. 13. Ben dovrebb'esser la tua man più pia, Se state fossimo anime di serpi.
Esempio: E Dan. Inf. 25. Da indi in qua mi fur le serpi amiche.
Esempio: Dittam. 2. 12. Non credo un serpe che ha 'l cor cotanto Acerbo.
Esempio: Bell. Man. Giust. Cont. 101. Se il serpe, che guardava il mio tesoro, Fusse dal sonno stato allor più desto.
Esempio: Franc. Sacch. nov. 106. Deh dimmi, buona femmina, che ti par essere santa Verdiana, che dava mangiare alle serpi?
Definiz: §. I. Ogni serpe ha 'l suo veleno; proverb. vulgato, che vale, che Ognuno ha la sua ira. Lat. inest et formicae bilis. Lat. ἔνεστι καὶ μύρμηκι χολός.
Esempio: Varch. Suoc. 5. 3. Non guardate, ch'io stia con altri, che ogni serpe ha 'l suo veleno.
Definiz: §. II. Allevarsi la serpe in seno, vale Beneficare uno, che poi benificato abbia a nuocerti. Lat. colubrum in sinu fovere. Gr. ὄφιν ἐν τῷ κόλπῳ θάλπειν.
Esempio: Buon. Fier. 2. 2. 10. Veggo quel, che s'alleva in sen la serpe.
Esempio: Salvin. disc. 1. 363. Conoscendo quanto gli uomini sieno ingrati, e sconoscenti, e quanto s'avvantaggino delle altrui fatiche, per non allevarsi, come si dice, la serpe in seno, non fa allievi.
Definiz: §. III. Mettere la serpe tra l'anguille, o Mescolare la serpe tra l'anguille, o simili, si dice dell'Accompagnare un astuto con brigata sora, e semplice.
Esempio: Pataff. 4. La serpe è mescolata coll'anguilla.
Esempio: Buon. Fier. 2. 3. 9. Come s'è mescolata (Or me n'avveggio) quella serpe bigia Tra quelle belle anguille?
Definiz: §. IV. In proverb. Come disse lo spinoso alla serpe.
v. SPINOSO §.

2000-2004 ACCADEMIA DELLA CRUSCA è vietato riprodurre senza autorizzazione testi e immagini

Valid XHTML 1.1! Valid CSS! Level AA conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0