Pagina d'entrata della Lessicografia della Crusca in rete

Cerca nel lemmario:

Vai direttamente a:

  1. Contenuti
  2. Menù di navigazione
  3. Dimensione dei caratteri

1) Dizion.1° Ed. .
A BADA
Voce completa

pag.2


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Giunte 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Giunte 4 ° Ed.
A BADA.
Definiz: Posto avverbialm. tenere a bada, stare a bada: vale A TRASTULLO, A BALOCCO, A BADALUCCO, A TEDIO, e quello, che proverbialmente si dice, A PIUOLO: onde, tenere a bada, significa trattenere, e ritardare uno dal suo pensiero, e dalla sua impresa. Lat. remorari, retardare, detinere.
Definiz: Stare a bada, vale trattenersi, e baloccarsi. Lat. morari, moram trahere. gr. διατρίβειν, χρονίζειν.
Esempio: Petr. cap. 8. Che con arte Annibálle a bada tenne.
Esempio: M. V. lib. 5. 57. Cominciaronvi l'assalto, per tenere i nimici a bada.
Esempio: G. V. lib. 11. 133. 2. Stando a bada co' Pisani, e fermi, gli straccavano, e consumavano.
Definiz: ¶ Pigliasi per Ad aspetto, o A speranza. Io sto a bada di vederlo Stare a bada di vedere uno. Lat. expecto ut videam.
Esempio: Dan. Inf. c. 31. Tal parve Antéo a me, che stava a bada Di vederlo.
Definiz: ¶ Tal'or gli si da l'articolo, Stare alla bada d'uno. Lat. expectare quid aliquis agat.
Esempio: Boc. g. 6. p. 5. Stando alla bada del Padre, e de' fratelli.

2000-2004 ACCADEMIA DELLA CRUSCA è vietato riprodurre senza autorizzazione testi e immagini

Valid XHTML 1.1! Valid CSS! Level AA conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0