Pagina d'entrata della Lessicografia della Crusca in rete

Cerca nel lemmario:

Vai direttamente a:

  1. Contenuti
  2. Menù di navigazione
  3. Dimensione dei caratteri

1) Dizion.4° Ed. .
NINFA
Voce completa

vol.3 pag.345


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Lemm. 5 ° Ed.
NINFA.
Definiz: Spezie di Deità de' Gentili. Lat. nympha. Gr. νίμφη νύμφη.
Esempio: Dant. Purg. 29. E come ninfe, che si givan sole.
Esempio: But. ivi: Ninfa tanto è a dire, quanto Iddia d'acque, perchè abitavano le ninfe appresso i fiumi; ma anco si trova generale nome di tutte le Iddíe, che abitavano in terra, le quali propriamente erano gentili giovani, avanzanti l'altre in virtù, e in bellezza, delle quali erano diverse spezie, imperocchè altre abitavano alle fonti, e chiamavansi Naiade, altre al mare, e chiamavansi Nereide, altre nelle selve, e chimavansi Driade, altre agli arboreti, e chiamavansi Amadriade, altre ne' monti, e chiamvansi Oreade, altre ne' campi, e chiamavansi Napee, che sono vaghe di fiori; e però lo nostro autore prese generale vocabolo, e massimamente quello, che s'adatta a quelle, che sono spose, che si chiamano ninfe per la frequentazione de' fiumi, dove elle si lavano.
Esempio: Petr. canz. 42. 4. Ma ninfe, e muse a quel tenor cantando.
Definiz: §. Far la ninfa, vale Proceder con abiti, e costumi troppo effemminati. Lat. deliciis diffluere, mollem, effeminatum habitu, ac moribus esse. Gr. μαλακιᾷν.

2000-2004 ACCADEMIA DELLA CRUSCA è vietato riprodurre senza autorizzazione testi e immagini

Valid XHTML 1.1! Valid CSS! Level AA conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0