Pagina d'entrata della Lessicografia della Crusca in rete

Cerca nel lemmario:

Vai direttamente a:

  1. Contenuti
  2. Menù di navigazione
  3. Dimensione dei caratteri

1) Dizion.4° Ed. .
MERDA
Voce completa

vol.3 pag.215


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Lemm. 5 ° Ed.
MERDA.
Definiz: Escremento del cibo, sceverato per concozione, e digestione, che si depone pel culo. Lat. merda. Gr. κόπρος.
Esempio: Dant. Inf. 18. Vidi un col capo sì di merda lordo, Che non parea, s'era laico, o cherco.
Esempio: E Dan. Inf. 28. E 'l tristo sacco, Che merda fa di quel che si trangugia.
Definiz: §. Si usa questa voce talora per dispregio, o avvilimento di checchè si tratti.
Esempio: Ambr. Furt. 5. 7. Va pur là, ti costerà questa cosa più, che non vale codesta bottega, mercantuzzo di merda.
Esempio: Cecch. Inc. 5. 8. Questo aver dato fede a' tuoi incantesimi, e tue merde, mi ha rovinato.

2000-2004 ACCADEMIA DELLA CRUSCA è vietato riprodurre senza autorizzazione testi e immagini

Valid XHTML 1.1! Valid CSS! Level AA conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0