Pagina d'entrata della Lessicografia della Crusca in rete

Cerca nel lemmario:

Vai direttamente a:

  1. Contenuti
  2. Menù di navigazione
  3. Dimensione dei caratteri

1) Dizion.4° Ed. .
ORBO
Voce completa

vol.3 pag.419


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Lemm. 5 ° Ed.
ORBO.
Definiz: Add. Cieco. Lat. caecus. Gr. τυφλός.
Esempio: G. V. 12. 16. 20. Il quale (Duca d'Atene) n'andò con molta sua onta, e vergogna, ma con molti danari tratti da noi Fiorentini detti orbi.
Esempio: Dant. Purg. 13. Lo mento a guisa d'orbo in su levava.
Esempio: Petr. son. 16. Vommene in guisa d'orbo senza luce.
Esempio: E Petr.cap. 2. Che 'n tutto è orbo chi non vede il sole.
Esempio: E Petr. canz. 40. 2. Ahi orbo mondo ingrato, Gran cagion hai di dever pianger meco.
Definiz: §. I. Non avere a far con orbi, vale Dover trattare con gente accorta, e difficile a ingannarsi.
Esempio: Buon. Fier. 1. 1. 2. Che non s'ha a far con orbi questa volta.
Definiz: §. II. Orbo, per Privo, Orbato.
Esempio: Petr. cap. 5. Nè Ciro in Scitia, ove la vedova orba La gran vendetta, e memorabil feo.
Esempio: Tac. Dav. ann. 13. 168. Ma perchè egli, come marito, non redasse lei ricca, e orba.
Esempio: Tass. Ger. 4. 61. Se tu nol vieti, a te rifuggo, o Sire, Io misera fanciulla, orba, innocente.
Esempio: E Amint. 3. 2. Qual animo fia il tuo, quando udirai Dell'unica tua Silvia il duro caso, Padre vecchio, orbo padre?

2000-2004 ACCADEMIA DELLA CRUSCA è vietato riprodurre senza autorizzazione testi e immagini

Valid XHTML 1.1! Valid CSS! Level AA conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0