Pagina d'entrata della Lessicografia della Crusca in rete

Cerca nel lemmario:

Vai direttamente a:

  1. Contenuti
  2. Menù di navigazione
  3. Dimensione dei caratteri

1) Dizion.4° Ed. .
NASTRO
Voce completa

vol.3 pag.321


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Lemm. 5 ° Ed.
NASTRO.
Definiz: Tela tessuta in guisa, che non passi la larghezza d'una spanna. Lat. amentum, taenia. Gr. νάκος.
Esempio: M. V. 8. 65. Era di due finissimi velluti chermisi con uno nastro d'oro largo quattro dita, coll'arme del popolo, e del comune.
Esempio: Ar. Fur. 24. 66. Così talora un bel purpureo nastro Ho veduto partir tela d'argento.
Definiz: §. Per similit.
Esempio: Dant. Par. 15. Al piè di quella croce corse un astro ec. Nè si partì la gemma dal suo nastro, Ma per la vista radial trascorse (quì per Continuazione di raggio)
Esempio: Sagg. nat. esp. 169. Comincia l'acqua di sopra a rappigliarsi in giro, e da quel primo nastro di gielo, che ricorre la circonferenza del vaso, comincia a mandare ec.

2000-2004 ACCADEMIA DELLA CRUSCA è vietato riprodurre senza autorizzazione testi e immagini

Valid XHTML 1.1! Valid CSS! Level AA conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0