Pagina d'entrata della Lessicografia della Crusca in rete

Cerca nel lemmario:

Vai direttamente a:

  1. Contenuti
  2. Menù di navigazione
  3. Dimensione dei caratteri

1) Dizion.4° Ed. .
NANNA
Voce completa

vol.3 pag.316


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Giunte 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Lemm. 5 ° Ed.
NANNA.
Definiz: Voce usata dalle balie, quando nel ninnare, o cullare i bambini, vogliono fargli addormentare, dicendo: ninna nanna. Lat. lallus. v. Flos 15.
Esempio: Dant. Purg. 23. Prima fien triste, che le guance impeli Colui, che mo si consola con nanna.
Esempio: But. ivi: Nanna; questa è una interiezione adulante, e lusingante, che usano le balie, quando vogliono addormentare li fanciulli, che dicono ec. nanna, nanna.
Esempio: Lor. Med. canz. 23. 6. Ella dice nanna, nanna, Mentrechè facea quel fatto.
Definiz: §. Far la nanna, e Andare a nanna, vagliono Dormire, e Andare a dormire.
Esempio: Fir. rim. burl. 130. Suonasi questo suon sotto alle coltre, Perocchè 'l campanaio nel campanile Può far la nanna, e sonar mentre poltre.
Esempio: Malm. 6. 25. Ma subito gli venne il sonno in cocca, Ond'ei s'allunga in terra a far la nanna.
Esempio: Buon. Fier. 4. 1. 6. Ed or n'andate, dormiglioni, a nanna.

2000-2004 ACCADEMIA DELLA CRUSCA è vietato riprodurre senza autorizzazione testi e immagini

Valid XHTML 1.1! Valid CSS! Level AA conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0