Pagina d'entrata della Lessicografia della Crusca in rete

Cerca nel lemmario:

Vai direttamente a:

  1. Contenuti
  2. Menù di navigazione
  3. Dimensione dei caratteri

1) Dizion.4° Ed. .
LETARGO
Voce completa

vol.3 pag.53


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Lemm. 5 ° Ed.
LETARGO.
Definiz: Grave sonno congiunto con dimenticanza, e frenesía. Lat. lethargus, veternus, morbus lethargicus. Gr. λήθαργος.
Esempio: Dant. Par. 33. Un punto solo m'è maggior letargo, Che venticinque secoli.
Esempio: Com. Par. 33. Letargo è una infermità, che induce difetto alla memoria.
Esempio: But. ivi: Letargo è vocabolo grammaticale, e significa dimenticagione.
Esempio: Petr. cap. 11. Sete offesi Di un grave, e mortifero letargo.
Esempio: Tass. Ger. 16. 33. Qual sonno, o qual letargo ha sì sopita La tua virtute, o qual viltà t'alletta?
Esempio: Boez. Varch. 1. 2. Il mal suo è letargo, cioè grave, e profondissima sonnolenza, e sdimenticanza, male comune a tutti coloro, i quali hanno la mente ingannata, e delusa.

2000-2004 ACCADEMIA DELLA CRUSCA è vietato riprodurre senza autorizzazione testi e immagini

Valid XHTML 1.1! Valid CSS! Level AA conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0