Pagina d'entrata della Lessicografia della Crusca in rete

Cerca nel lemmario:

Vai direttamente a:

  1. Contenuti
  2. Menù di navigazione
  3. Dimensione dei caratteri

1) Dizion.4° Ed. .
LERCIO
Voce completa

vol.3 pag.51


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Lemm. 5 ° Ed.
LERCIO.
Definiz: Add. Sporco, Intriso, Imbrattato. Lat. pollutus, foedus. Gr. κοινός, μιαρός.
Esempio: Dant. Inf. 15. D'un medesmo peccato al mondo lerci.
Esempio: Pataff. 5. Ch'egli ha del lercio assai più, ch'io non scrivo.
Esempio: Buon. Fier. 4. 2. 5. L'appetito aguzza, Strega squarquoia, lercia.

2000-2004 ACCADEMIA DELLA CRUSCA è vietato riprodurre senza autorizzazione testi e immagini

Valid XHTML 1.1! Valid CSS! Level AA conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0