Pagina d'entrata della Lessicografia della Crusca in rete

Cerca nel lemmario:

Vai direttamente a:

  1. Contenuti
  2. Menù di navigazione
  3. Dimensione dei caratteri

1) Dizion.4° Ed. .
CERRO
Voce completa

vol.1 pag.626


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Giunte 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Lemm. 5 ° Ed.
Omografo 1
Omografo 2
CERRO.
Definiz: Albero ghiandifero simile alla quercia. Lat. cerrus. Gr. αἰγίλωψ.
Esempio: Cr. 5. 26. 1. La quercia, il rovere, il cerro sono arbori grandi, i quali son quasi d'una medesima natura.
Esempio: Amet. 6. Nelle piagge del quale fra gli strabocchevoli balzi surgeva d'alberi, di querce, di cerri, e di abeti un folto bosco.
Esempio: Dant. Purg. 31. Con men di resistenza si dibarba Robusto cerro.
Esempio: Poliz. Stanz. 83. Surge robusto il cerro, ed alto il faggio.
Esempio: Alam. Colt. 1. 31. Parte son poi, che dal suo proprio seme Surgon più liete, la castagna irsuta, La ghiandifera quercia, il cerro annoso.
Esempio: Ar. Fur. 16. 50. Ma targhe altre di cuoio, altre di cerri.
Definiz: §. Dicesi anche Cerro a Quella particella della tela, che si lascia senza riempiere, e talora s'appicca per ornamento, e tessuta da se chiamasi anche Frangia. Lat. fimbria. Gr. κράσπεδον.

2000-2004 ACCADEMIA DELLA CRUSCA è vietato riprodurre senza autorizzazione testi e immagini

Valid XHTML 1.1! Valid CSS! Level AA conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0