Pagina d'entrata della Lessicografia della Crusca in rete

Cerca nel lemmario:

Vai direttamente a:

  1. Contenuti
  2. Menù di navigazione
  3. Dimensione dei caratteri

1) Dizion.4° Ed. .
BOLLITO
Voce completa

vol.1 pag.448


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Giunte 4 ° Ed.
Lemm. 5 ° Ed.
BOLLITO.
Definiz: Add. da Bollire. Lat. fervefactus. Gr. ζεσθείς.
Esempio: Dant. Inf. 12. Ove i bolliti facéno alte strida.
Esempio: M. V. 1. 98. Appiè delle mura feciono intorno intorno molti fornelli con caldari per apparecchiare acqua bollita per gittare sopra coloro, che combattessono.
Esempio: Dav. Colt. 162. Riditi delle pampanate delle coccole di ginepro, e d'allora bollite nel vino, e sale.
Definiz: §. I. Aggiunto a pane, vale Pane cotto nell'acqua, ed è sorta di minestra leggiera, e di facile concozione. Lat. panis aquâ coctus. Gr. ἀρτὸς σὺν τῷ ὕδατι ζεσθείς.
Esempio: Cecch. Donz. 2. 6. Povera Faustina! to' su quel bel marito Di settant'anni, fagli il pan bollito.
Esempio: Alleg. 180. Quest'aria grossa ec. M'ha come dir ripien di pan bollito, Pur lo dirò, la forma del cappello.
Definiz: §. II. Onde in proverb. Pan bollito, fatto un salto egli è smaltito.

2000-2004 ACCADEMIA DELLA CRUSCA è vietato riprodurre senza autorizzazione testi e immagini

Valid XHTML 1.1! Valid CSS! Level AA conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0