Pagina d'entrata della Lessicografia della Crusca in rete

Cerca nel lemmario:

Vai direttamente a:

  1. Contenuti
  2. Menù di navigazione
  3. Dimensione dei caratteri

1) Dizion.4° Ed. .
PONDO
Voce completa

vol.3 pag.657


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
PONDO.
Definiz: Peso, Gravezza. Lat. pondus. Gr. βάρος.
Esempio: Dant. Purg. 11. Quelle ombre orando andavan sotto 'l pondo.
Esempio: Petr. son. 73. E le virtù, che l'anima comparte, Lascian le membra quasi immobil pondo.
Definiz: §. I. Pondo, fu detto da' Latini per Libbra, ed in questo stesso significato il dissero
Esempio: Petr. uom. Ill. Per le quali tutte fue pagato quindicimila pondi d'ariento.
Esempio: Guitt. lett. 1. Pondi tutti migliaia d'auro, e 'l ben d'essa vitale.
Definiz: §. II. Pondo, per metaf. Considerazione, Importanza.
Esempio: Sen. Declam. Il meglio è pigliare il miglior partito; questo caso porta seco gran peso, e pondo.
Esempio: Coll. SS. Pad. Quelli non sappiendo il pondo della quistione proposta, addomandaron con preghiere, che sciogliesse la quistione.
Esempio: Petr. cap. 5. Tal venía contr'Amor, e 'n sì secondo Favor del cielo, e delle ben nat'alme, Che della vista ei non sofferse il pondo.

2000-2004 ACCADEMIA DELLA CRUSCA è vietato riprodurre senza autorizzazione testi e immagini

Valid XHTML 1.1! Valid CSS! Level AA conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0