1) Dizion.4° Ed. .
BERLINGACCIO
Voce completa

vol.1 pag.420


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Giunte 4 ° Ed.
Lemm. 5 ° Ed.
BERLINGACCIO.
Definiz: L'ultimo giovedì del carnovale.
Esempio: Pataff. 2. E sbonzola doman, ch'è berlingaccio.
Esempio: Franc. Sacch. rim. Così potessi io con voi migliacciare, Per berlingaccio a cena, e a desinare.
Esempio: Varch. Ercol. 64. È berlingaccio quel giovedì, che va innanzi al giorno del carnesciale, che i Lombardi chiamano la giobbia grassa.
Esempio: Morg. 19. 130. E conficcava il capo sul piumaccio, Unto, e bisunto com'un berlingaccio.
Esempio: E Giuoc. Pitt. Sendo ito Luca Martini a Fiesole con alcuni suoi amici a fare il berlingaccio alla Luna, con Filippo Guadagni.

2005 MICC - Centro per la Comunicazione e l' Integrazione dei Media