Pagina d'entrata della Lessicografia della Crusca in rete

Cerca nel lemmario:

Vai direttamente a:

  1. Contenuti
  2. Menù di navigazione
  3. Dimensione dei caratteri

1) Dizion.1° Ed. .
CACARE
Voce completa

pag.138


Vedi le altre Edizioni del Vocabolario
Dizion. 1 ° Ed.
Dizion. 2 ° Ed.
Dizion. 3 ° Ed.
Dizion. 4 ° Ed.
Giunte 4 ° Ed.
Lemm. 5 ° Ed.
CACARE.
Definiz: mandar fuora gli escrementi del cibo, per le parti di sotto. Lat. cacare, alvum exonerare.
Esempio: Bocc. n. 28. 21. Sevvi di lungi delle miglia più di bella cacheremo. Qui è modo di favellare senza conclusione, e per parer di dire qualchè gran maraviglia, a chi non intende.
Definiz: E da CACARE CACATOIO, che è il luogo dove si caca. Lat. latrina.
Definiz: ¶ Per metaf. CACACCIANO, d'huomo, timido, e da niente.
Definiz: E Cacarsi sotto, di chi, per timidità, o per altro, nel trattar qualche negozio, si perde, ed esce di se. Fl. c. 10.
Definiz: Diciamo anche CACATAMENTE, del favellare, o fare qualche altra cosa adagio, e male.
Definiz: E CACAIUOLA chiamiamo il flusso del ventre, allaquale, (perchè pare, che rappresenti altrui schifiltà) diciamo, più reverentemente, soccorrenza. Lat. foriae.
Definiz: E da questo deriva anche SCACAZZARE, SCACAZZIO, SCACAZZAMENTO, che è quello, che s'avrebbe a fare in un tratto, e in un luogo, farlo in più, e 'n parecchi volte.
Definiz: Onde il Firenzuola l'usò metaforicamente nelle novelle, per ispendere, e gettar via i danari in cose frivole, e vane.
Esempio: Fir. nov. Desse quaranta lire al Giannella, che la vecchia s'avea scacazzate.
Definiz: Si dice anche cacheroso, che vale lezioso, e cachería, che val leziosaggine, e costume odievole.

2000-2004 ACCADEMIA DELLA CRUSCA è vietato riprodurre senza autorizzazione testi e immagini

Valid XHTML 1.1! Valid CSS! Level AA conformance icon, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0